“L’insegnamento segreto di Nichiren” – Lezione 9 (Lezioni sul Sutra del Loto e Buddhismo di Nichiren)

Le parole stesse “nelle profondità del capitolo sulla durata della vita del Thatagatha” dell’Honmon del Sutra del Loto hanno una particolare importanza dal punto di vista della tecnica del linguaggio occulto del Sutra. Le “profondità” sono luoghi inaccessibili, dove si presuppone che non tutti si avventurino. Per questo il significato occulto del XVI capitolo del Sutra del Loto è il Gohonzon. Ora, come abbiamo già detto ora non è il momento di approfondire questo argomento, ad ogni modo il fatto che il Gohonzon sia esotericamente svelato nelle profondità del capitolo sulla durata della vita del Tathagata come (ti ripeto) ci dice il maestro Nichiren, rende ulteriormente chiaro quanto sia difficile accedere al messaggio esoterico del Sutra. Non solo il Buddha Eterno rivela se stesso nel cuore del sutra, ma svela all’universo ogni suo segreto, facendo ovviamente ricorso alla trasmissione esoterica, quindi attraverso un simbolismo segreto. Questo simbolismo del XVI capitolo è rappresentato proprio dalla parola “profondità”. Che la verità sul Buddha venga finalmente e completamente rivelata nel XVI capitolo e trasmessa agli adepti che erano fuoriusciti dalla terra nel XV capitolo e nel corso del XXVI e XXII capitolo, quindi, è assolutamente chiaro – sebbene alcuni non accettino questa visione. I capitoli essenziali, poi, sono otto, e sono i capitoli che vanno dal XV al XXII. Fra questi otto, i capitoli XV, XVI e XVII rivestono un’importanza capitale per quanto concerne la rivelazione; parte del capitolo XVII, i capitoli XVIII, XIX e XX sono invece inerenti alla pratica – anche se poi il XIX capitolo parla più che altro dei benefici dei maestri o di chi li ascolta, di chi si associa con essi. Come abbiamo visto, i capitoli XXI e XXII compongono la trasmissione del sutra, ossia la consegna dell’insegnamento alle generazioni future.