“Perché il Sutra del Loto ti annoia” – Lezione 14 (Lezioni sul Sutra del Loto e Buddhismo di Nichiren)

Quindi il Buddha in queste quattro o cinque righe ci dà un grande insegnamento, che se noi però non conosciamo la traduzione di alcuni vocaboli…tanto se non conosco che cosa significa “samadhi” mi perdo che cosa stava facendo il Buddha in quel momento – e nella traduzione in lingua corrente è stato tradotto con “si risvegliò serenamente dalla sua meditazione” perché “samadhi” significa “meditazione”. Ecco che se tu leggi [questa traduzione], sei aiutato, sei facilitato.

Poi se non si conosce, come dicevamo, il significato di sravaka o pratyekabuddha, ci si perde che cosa il Buddha ci sta dicendo. Il Buddha ci sta dicendo in queste brevi righe: “quello che io insegno in questo Sutra, quello che io insegnerò, è molto difficile da capire, è troppo difficile da capire. Nessuno lo può comprendere, soltanto un Buddha lo può comprendere. Ciò che io sto per dire – quindi il mio insegnamento, quindi il Sutra del Loto – è incomprensibile, può risultare incomprensibile o è addirittura incomprensibile agli ascoltatori della voce, il Buddha qua dice è incomprensibile anche per voi che mi state ascoltando, sia per coloro che ricercano l’illuminazione senza qualcuno che gli indichi, per tutti coloro che provano a studiare questo insegnamento senza la guida di una persona esperta, quindi di un maestro.

Che cosa ti viene in mente dietro questo? Che non puoi studiare questo tipo di studi – perdonami la ripetizione – senza l’aiuto di una persona preparata che ti indichi dove portare la tua attenzione. Non che ti dica quello che crede lui, ma che ti dia la possibilità di crescere, amplificando e allenando la tua capacità di introspezione e di ragionamento. Abbiamo visto queste semplici righe, il secondo capitolo è appena incominciato, ma se le persone comprendessero che cosa il Buddha – già qui – ci dice, ecco che forse tante cose…