“Perché il Sutra del Loto ti annoia” – Lezione 14 (Lezioni sul Sutra del Loto e Buddhismo di Nichiren)

Vedi, la versione che abbiamo fatto e pubblicato con Myo Edizioni – ormai arrivata alla sesta o settima edizione e conosciutissima – è stata criticata già per questo punto qua, perché come ti dicevo prima qualcuno mi ha detto, “Ma da dove le hai prese queste cose? Le hai messe lì perché ti interessava dire quello…” Se noi avessimo voluto fare una traduzione perché ci interessava dire quello che volevamo dire, già uscivamo fuori dal senso perché noi abbiamo tradotto i più grossi trattati di Nichiren e il Sutra del Loto per dare la possibilità alle persone di avere di fronte un qualcosa di prima mano, un qualcosa che non fosse soggetto a interpretazioni varie e delle varie organizzazioni, quindi è stata proprio lì quella la nostra forza. E le persone l’hanno capito, perché in tanti, tantissimi hanno preso questa versione del Sutra del Loto, e con questa versione hanno cominciato a studiarlo. Poi da lì puoi passare alle altre versioni – io ad esempio ti consiglio la versione edita dalla BUR che deriva dalla versione sanscrita (ma di questo ne abbiamo già parlato) perché hai comunque la possibilità di approfondire. Ma se tu non conosci, non puoi partire con un testo di chimica applicata – va bene, ti interessa l’argomento, ma devi partire con qualcosa che ti dia una mano. La versione del Sutra del Loto in lingua corrente che trovi sul nostro sito, ha questo scopo.

Spero di essere stato abbastanza chiaro e spero di averti invogliato a leggere il Sutra del Loto e cercare di comprenderlo. Come al solito, se non sai, chiedi.

Grazie della tua attenzione, ci vediamo alla prossima.

Namu Myoho Renge Kyo